Assunzioni a tempo pieno e indeterminato di lavoratori in CIGS

In un  periodo di crisi , dove la maggior parte delle aziende ricorre alla Cassa Integrazione, ecco quali sono le agevolazioni per chi assume lavoratori in Cigs.

 
La disposizione, contenuta nell’art. 4, comma 3, della legge n. 236/1993, si rivolge ai datori di lavoro, ivi comprese le società cooperative, che non abbiano in corso sospensioni dal lavoro ai sensi dell’art. 1 della legge n. 223/1991 e che non abbiano proceduto a riduzioni di personale negli ultimi 12 mesi, Si deve trattare di un’assunzione a tempo pieno ed indeterminato (o, anche, di ammissione di soci lavoratori) di soggetti in CIGS da almeno tre mesi, mentre l’impresa di provenienza lo deve essere da almeno sei mesi.
Ma quali sono gli incentivi per il datore di lavoro assumente?. Essi sono di natura contributiva ed economica.
 
Incentivi  di natura contributiva

Per un periodo di dodici mesi la quota di contribuzione a carico del datore è del tutto uguale a quella prevista, in via ordinaria, per gli apprendisti, ossia il 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali. Presupposto per il “godimento” è la regolarità con le norme che disciplinano il DURC (documento unico di regolarità contributiva) e con il rispetto dei trattamenti economici e normativi previsti dalla contrattazione collettiva nazionale e, se esistente, da quella territoriale od aziendale. L’aliquota complessiva, come sottolineato dalla circolare INPS n. 22/2007, è pari al 19,19%, essendo comprensiva del 9,19% a carico del lavoratore.
 
Incentivi di natura economica

L’assunzione di un lavoratore che si trova nelle condizioni appena citate comporta il riconoscimento (sotto forma di conguaglio contributivo) di una somma a favore dell’impresa pari al 50% dell’indennità di mobilità per un periodo non superiore a nove mesi per chi ha meno di 50 anni. L’incentivo sale a 21 mesi nelle aree del Mezzogiorno individuate ex DPR n. 218/1978 ed in quelle ad alto tasso di disoccupazione: se il lavoratore ha più di 50 anni l’incentivo per tali zone è elevato fino a 33 mesi.

Con circolare n. 122/1999 l’INPS ha affermato che, qualora tra l’impresa assumente e quella cedente, sebbene distinte, vi sia una sorta di trasformazione o di derivazione, gli incentivi possano essere riconosciuti sulla base di accordi sindacali finalizzati alla salvaguardia dei posti di lavoro, con un impegno del nuovo datore di lavoro teso a garantire la continuazione dell’attività produttiva per un periodo di almeno 12 mesi oltre la durata dei benefici. 

About the Author

studio-acerbi

1 Comments
  1. 19/06/2012 at 14:12
    Reply

    [...] NEW! Favorire il lavoro: assunzioni a tempo pieno e indeterminato di lavoratori in CIGS.  Le agevolazioni per chi assume lavoratori in Cigs: clicca qui! [...]

Leave a Comment