Licenziamenti discriminatori

 

La stessa disciplina si applica anche ai licenziamenti comminati alle lavoratrici nei periodi di interdizione per matrimonio o maternità, nonchè ai licenziamenti determinati da motivo illecito o nulli per altre cause.

Datore di lavoro con più di 15 dipendenti

Oggi:

  • era previsto la reintegrazione in servizio (o indennità sostitutiva , ma solo ma scelta del lavoratore) e il risarcimento del danno.

Con la riforma:

  • reintegrazione in servizio con risarcimento del danno parametrato alla retribuzione globale di fatto dal giorno del licenziamento fino all'effettiva reintegrazione in servizio, con il minimo di 5 mensilità (ma con detrazione automatica, anche senza eccezione del datore di lavoro , del c.d. aliunde perceptum).

Datore di lavoro con meno di 15 dipendenti

Si applica la medesima normativa come per le grandi aziende.

About the Author

studio-acerbi

1 Comments
  1. 04/09/2012 at 12:36
    Reply

    [...] NEW! Licenziamenti discriminatori: cosa cambia con la riforma? Leggi qui >> [...]

Leave a Comment