17/01/2014 – Associati in partecipazione

Prorogata la regolarizzazione degli associati in partecipazione


 

La legge di stabilità 2014, all’art. 1, comma 133, ha prorogato al 31 marzo 2014 il termine entro il quale le aziende possono stipulare, con le associazioni dei lavoratori, specifici contratti collettivi ed al 31 luglio 2014 il termine per il deposito da parte dell’associante, presso le competenti sedi INPS, della documentazione prevista per la stabilizzazione degli associati (contratto collettivo, atti di conciliazione, contratti di lavoro subordinato ed attestazione dell’avvenuto versamento).

A seguito di ciò, l’INPS, con la circolare 14 gennaio 2014, n. 3 comunica che il termine del 30 settembre, indicato nella circolare n. 167/2013 per l’adesione alla procedura di stabilizzazione in oggetto, deve ora intendersi modificato in 31 marzo 2014 e il termine del 31 gennaio 2014 indicato per la presentazione dell’intera documentazione alle sedi INPS deve ora intendersi modificato in 31 luglio 2014.

Lo slittamento dei termini non comporta sostanziali modifiche per quanto riguarda le modalità di versamento del contributo straordinario, indicate nel paragrafo 4.2 della circolare n. 167 del 05/12/2013, tranne che per il periodo di riferimento.

Infatti, l’INPS comunica che il versamento deve essere eseguito con causale C10 e deve riportare nel campo “matricola INPS/ filiale/azienda” il codice 88888 seguito dal nome del Comune ove risiede la sede legale dell’associante fino ad un massimo di 12 caratteri complessivi, però il mese da indicare nel campo “periodo di riferimento: da mm/aaaa”, sarà:

  • 12|2013 per le stabilizzazioni effettuate entro l’anno 2013;
  • 01|2014 per le stabilizzazioni che avvengono nel 2014.

Con riguardo al calcolo del contributo straordinario l’INPS segnala che in caso di cessazione o di sospensione lavorativa dell’associato, per qualsiasi motivazione essa sia avvenuta, devono essere presi in considerazione gli ultimi sei mesi di attività lavorativa.

About the Author

studio-acerbi