27/02/2014 – Guida automezzi e stress lavorativo

Guida automezzi e stress lavorativo


 

Il c.d. danno da stress lavorativo va provato dal lavoratore.

Nel caso di domanda di risarcimento del danno non patrimoniale da stress lavorativo, subito in ragione del mancato riconoscimento delle soste retribuite per una durata di almeno 15 minuti tra una corsa e quella successiva e, complessivamente per turno giornaliero, di almeno un'ora, il lavoratore è tenuto ad allegare e provare il tipo di danno specificamente sofferto ed il nesso eziologico con l'inadempimento datoriale.

About the Author

studio-acerbi