27/02/2014 – Licenziamento per inidoneità fisica

Licenziamento legittimo in caso di inidoneità fisica ed impossibilità alla ricollocazione


 

Con sentenza n. 3224 del 12 febbraio 2014, la Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento comminato al lavoratore a seguito di inidoneità fisica, ascrivibile allo svolgimento di attività extra-lavorativa, rendendo impossibile la prosecuzione dell'attività lavorativa e l'utilizzazione a mansioni equivalenti.

La Suprema Corte ha, quindi, escluso la responsabilità del datore di lavoro per l'aggravamento della salute del proprio dipendente, se questo è ascrivibile a fattori esterni all'attività lavorativa propria del lavoratore.

About the Author

studio-acerbi