Cassazione: licenziamento per comportamenti ingiuriosi nei confronti del datore di lavoro

Con la sentenza n. 17435 del 2 settembre 2015, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento comminato nei confronti di un lavoratore che, con i suoi comportamenti minacciosi ed ingiuriosi, crea un generale clima di tensione all’interno dell’azienda.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come il provvedimento espulsivo sia da considerare proporzionato, soprattutto in considerazione del fatto che il dipendente non è riuscito a dimostrare che il suo comportamento era una reazione ad un atteggiamento, a suo dire, persecutorio da parte del datore di lavoro.

About the Author

studio-acerbi

Leave a Comment