Adempimenti per i “Colpiti” dal Sisma 2016: Nuovi Interventi

A seguito degli eventi sismici del 24 agosto 2016 che hanno interessato i territori delle regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, l’Istituto con circolare n. 204 del 25 novembre 2016 ha dettato indicazioni in merito all'applicazione delle disposizioni del Decreto legge n. 189 del 17 ottobre 2016, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma in oggetto.

In particolare, il suddetto Decreto legge n. 189/2016 ha disposto, tra l’altro, la sospensione degli adempimenti e dei versamenti contributivi, in scadenza nel periodo dal 24 agosto 2016 al 30 settembre 2017, in relazione ai soggetti operanti nei Comuni interessati dalle disposizioni normative, individuati nell’allegato 1 del decreto legge.

Tuttavia, la legge precisa che, con riferimento ai Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto, sebbene rientranti nell’elenco dei Comuni di cui al suddetto allegato 2, le disposizioni di cui agli articoli 45, 46, 47 e 48 si applicano limitatamente ai singoli soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, con trasmissione della medesima dichiarazione agli uffici dell’Agenzia delle Entrate e dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale territorialmente competenti. A tal fine, i soggetti interessati dovranno attenersi alle indicazioni presenti nel modello “SC90-B”.

Per poter usufruire della sospensione degli adempimenti e dei versamenti contributivi, i nuovi soggetti interessati dovranno produrre apposita domanda alla sede Inps competente.

Per i comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto, occorre allegare alla domanda telematica di sospensione una dichiarazione di responsabilità, in formato PDF, in merito ai danni effettivamente subiti e relativa documentazione a supporto.
L’Istituto verificherà la sussistenza dei requisiti, recuperando gli eventuali contributi indebitamente sospesi con l’applicazione dell’ordinario regime sanzionatorio.

Non si dà luogo al rimborso di quanto eventualmente già versato.

Contattaci per maggiori info:

Contatta la nostra collaboratrice Elisa Catuogno: +39.0187.738104 interno 22.


 

SEDE DI MILANO


 

SEDE DELLA SPEZIA


 

About the Author

crm

Leave a Comment