Maternità e licenziamento per rifiuto al trasferimento

Con la sentenza n. 3052/2017, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento per mancata disponibilità al trasferimento, intimato ad una lavoratrice da poco rientrata da periodo di assenza da lavoro per maternità.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come il licenziamento, se pur formalmente deputato dal rifiuto della lavoratrice a trasferirsi in altra sede aziendale, fosse invece stato intrapreso proprio in considerazione della maternità appena acquisita dalla lavoratrice.

L’errore dell’azienda è stato quello di non aver valutato altri soggetti nell'operazione di trasferimento, verificando le competenze professionali ricoperte, ma di aver mirato direttamente alla neo-mamma per quanto atteneva al soggetto da trasferire.

Contattaci per maggiori info:

Chiama il consulente dedicato:
+39.0187.738104, interno 22

Scrivi una email:
info@studioassociatoacerbi.it


 

SEDE DI MILANO


 

SEDE DELLA SPEZIA


About the Author

web-manager

Leave a Comment