No al licenziamento del lavoratore che rifiuta di passare dal full-time al part-time

Condividi!

Come è noto, nell'alveo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo  si inseriscono i licenziamenti per impossibilità sopravvenuta della prestazione imputabile a fatto incolpevole del lavoratore nonché i licenziamenti per motivi economici.

Licenziamenti causati da esigenze di riorganizzazione e/o ristrutturazioni aziendale.

Ai fini della loro piena legittimità risulta necessario il ricorrere di tre requisiti:

1) la modifica organizzativa di tipo quantitativo o qualitativo effettiva e non pretestuosa;

2) il nesso causale tra la modifica organizzativa e il provvedimento espulsivo;

3) l'osservanza dei precetti di buona fede e correttezza.

Quale sunto, sono riconducibili nell'alveo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, le ipotesi di recesso determinate da " ragioni inerenti all'attività produttiva, all'organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa".

Ciò detto, è possibile porsi un quesito  ovvero, se anche il rifiuto del lavoratore di ridurre il proprio impegno orario possa elevarsi a giustificato motivo di licenziamento.

Secondo un indirizzo costante della Suprema Corte di Cassazione  (da ultimo n. 21875/2015 ) l'indisponibilità manifestata dal lavoratore di accettare la trasformazione del suo rapporto di lavoro a tempo pieno in parziale non può costituire giustificato motivo di licenziamento, considerato che, ai sensi del D.lgs. n. 61 del 2000, art. 5 comma 1, lett. a), a decorrere dal 25 giugno 2015 – il rifiuto del lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo pieno in parziale, o viceversa, non costituisce giustificato motivo di licenziamento.

Contattaci per maggiori info:

Chiama il consulente dedicato: +39.0187.738104, interno 22
Scrivi una email: info@studioassociatoacerbi.it

Condividi!

About the Author

crm

Leave a Comment