E’ onere del datore di lavoro per il repechage fornire la prova di non ricollocabilità

Condividi!

Con sentenza n. 4672 del 18 febbraio 2019, la Corte di Cassazione ha affermato, in merito al repechage in materia di licenziamento, che trattandosi di prova negativa, il datore di lavoro ha l’onore di fornire la prova dei fatti e circostanze esistenti di tipo indiziario o presuntivo idoneo a persuadere il giudice della veridicità di quanto allegato circa l’impossibilità di una collocazione alternativa del lavoratore nel contesto aziendale.

Contattaci per maggiori info:

Chiama il consulente dedicato: +39.0187.738104, interno 22
Scrivi una email: info@studioassociatoacerbi.it

Condividi!

About the Author

crm

Leave a Comment