Conciliazione e consapevolezza delle reciproche concessioni

Condividi!

Con ordinanza n. 9006 del 1° aprile 2019, la Corte di Cassazione, riferendosi ad una conciliazione in sede sindacale (ma il discorso è da ritenersi valido anche per un accordo intervenuto ex art. 410 cpc), ha affermato che se il rappresentante dei lavoratori, leggendo il verbale, illustra i diritti del lavoratore e ciò a cui lo stesso sta rinunciando, la conciliazione risulta valida ed il lavoratore non può impugnarla per violenza morale, a nulla rilevando la sproporzione tra le concessioni avvenute tra le parti.

La Suprema Corte ribadisce, con questa decisione, un elemento essenziale: la piena consapevolezza del lavoratore di ciò che firma.

Contattaci per maggiori info:

Chiama il consulente dedicato: +39.0187.738104, interno 22
Scrivi una email: info@studioassociatoacerbi.it

Condividi!

About the Author

crm

Leave a Comment